mercoledì 30 dicembre 2015

A Christmas Carol, Stave I: Marley's Ghost (Seconda Parte)

eanwhile the fog and darkness thickened so, that people ran about with flaring links, proffering their services to go before horses in carriages, and conduct them on their way. The ancient tower of a church, whose gruff old bell was always peeping slily down at Scrooge out of a gothic window in the wall, became invisible, and struck the hours and quarters in the clouds, with tremulous vibrations afterwards as if its teeth were chattering in its frozen head up there. The cold became intense. In the main street, at the corner of the court, some labourers were repairing the gas-pipes, and had lighted a great fire in a brazier, round which a party of ragged men and boys were gathered: warming their hands and winking their eyes before the blaze in rapture. The water-plug being left in solitude, its overflowings sullenly congealed, and turned to misanthropic ice. The brightness of the shops where holly sprigs and berries crackled in the lamp-heat of the windows, made pale faces ruddy as they passed. Poulterers' and grocers' trades became a splendid joke: a glorious pageant, with which it was next to impossible to believe that such dull principles as bargain and sale had anything to do.

Innocenti R.

The Lord Mayor, in the stronghold of the might Mansion House, gave orders to his fifty cooks and butlers to keep Christmas as a Lord Mayor's household should; and even the little tailor, whom he had fined five shillings on the previous Monday for being drunk and bloodthirsty in the streets, stirred up tomorrow's pudding in his garret, while his lean wife and the baby sallied out to buy the beef.
Foggier yet, and colder! Piercing, searching, biting cold. If the good Saint Dunstan had but nipped the Evil Spirit's nose with a touch of such weather as that, instead of using his familiar weapons, then indeed he would have roared to lusty purpose. The owner of one scant young nose, gnawed and mumbled by the hungry cold as bones are gnawed by dogs, stooped down at Scrooge's keyhole to regale him with a Christmas carol: but at the first sound of God bless you, merry gentleman! May nothing you dismay! Scrooge seized the ruler with such energy of action that the singer fled in terror, leaving the keyhole to the fog and even more congenial frost.

Birminghm C.

At length the hour of shutting up the counting-house arrived. With an ill-will Scrooge dismounted from his stool, and tacitly admitted the fact to the expectant clerk in the Tank, who instantly snuffed his candle out, and put on his hat.
"You'll want all day tomorrow, I suppose?'' said Scrooge.
"If quite convenient, Sir.''
"It's not convenient,'' said Scrooge, "and it's not fair. If I was to stop half-a-crown for it, you'd think yourself ill-used, I 'll be bound?''
The clerk smiled faintly.
"And yet,'' said Scrooge, "you don't think me ill-used, when I pay a day's wages for no work.''
The clerk observed that it was only once a year.
"A poor excuse for picking a man's pocket every twenty-fifth of December!'' said Scrooge, buttoning his great-coat to the chin. "But I suppose you must have the whole day. Be here all the earlier next morning!''
The clerk promised that he would, and Scrooge walked out with a growl. The office was closed in a twinkling, and the clerk, with the long ends of his white comforter dangling below his waist (for he boasted no great-coat), went down a slide on Cornhill, at the end of a lane of boys, twenty times, in honour of its being Christmas Eve, and then ran home to Camden Town as hard as he could pelt, to play at blindman's buff.

P.J. Lynch

Scrooge took his melancholy dinner in his usual melancholy tavern; and having read all the newspapers, and beguiled the rest of the evening with his banker's-book, went home to bed. He lived in chambers which had once belonged to his deceased partner. They were a gloomy suite of rooms, in a lowering pile of building up a yard, where it had so little business to be, that one could scarcely help fancying it must have run there when it was a young house, playing at hide-and-seek with other houses, and have forgotten the way out again. It was old enough now, and dreary enough, for nobody lived in it but Scrooge, the other rooms being all let out as offices. The yard was so dark that even Scrooge, who knew its every stone, was fain to grope with his hands. The fog and frost so hung about the black old gateway of the house, that it seemed as if the Genius of the Weather sat in mournful meditation on the threshold.
Now, it is a fact, that there was nothing at all particular about the knocker on the door, except that it was very large. It is also a fact, that Scrooge had seen it, night and morning, during his whole residence in that place; also that Scrooge had as little of what is called fancy about him as any man in the City of London, even including -- which is a bold word -- the corporation, aldermen, and livery. Let it also be borne in mind that Scrooge had not bestowed one thought on Marley, since his last mention of his seven-year's dead partner that afternoon. And then let any man explain to me, if he can, how it happened that Scrooge, having his key in the lock of the door, saw in the knocker, without its undergoing any intermediate process of change: not a knocker, but Marley's face.
Marley's face. It was not in impenetrable shadow as the other objects in the yard were, but had a dismal light about it, like a bad lobster in a dark cellar. It was not angry or ferocious, but looked at Scrooge as Marley used to look: with ghostly spectacles turned up upon its ghostly forehead. The hair was curiously stirred, as if by breath or hot-air; and, though the eyes were wide open, they were perfectly motionless. That, and its livid colour, made it horrible; but its horror seemed to be in spite of the face and beyond its control, rather than a part of its own expression.
As Scrooge looked fixedly at this phenomenon, it was a knocker again.
To say that he was not startled, or that his blood was not conscious of a terrible sensation to which it had been a stranger from infancy, would be untrue. But he put his hand upon the key he had relinquished, turned it sturdily, walked in, and lighted his candle.
He did pause, with a moment's irresolution, before he shut the door; and he did look cautiously behind it first, as if he half expected to be terrified with the sight of Marley's pigtail sticking out into the hall. But there was nothing on the back of the door, except the screws and nuts that held the knocker on, so he said ``Pooh, pooh!'' and closed it with a bang.
The sound resounded through the house like thunder. Every room above, and every cask in the wine-merchant's cellars below, appeared to have a separate peal of echoes of its own. Scrooge was not a man to be frightened by echoes. He fastened the door, and walked across the hall, and up the stairs, slowly too: trimming his candle as he went.
You may talk vaguely about driving a coach-and-six up a good old flight of stairs, or through a bad young Act of Parliament; but I mean to say you might have got a hearse up that staircase, and taken it broadwise, with the splinter-bar towards the wall and the door towards the balustrades: and done it easy. There was plenty of width for that, and room to spare; which is perhaps the reason why Scrooge thought he saw a locomotive hearse going on before him in the gloom. Half-a-dozen gas-lamps out of the street wouldn't have lighted the entry too well, so you may suppose that it was pretty dark with Scrooge's dip.
Up Scrooge went, not caring a button for that: darkness is cheap, and Scrooge liked it. But before he shut his heavy door, he walked through his rooms to see that all was right. He had just enough recollection of the face to desire to do that.
Sitting-room, bed-room, lumber-room. All as they should be. Nobody under the table, nobody under the sofa; a small fire in the grate; spoon and basin ready; and the little saucepan of gruel (Scrooge has a cold in his head) upon the hob. Nobody under the bed; nobody in the closet; nobody in his dressing-gown, which was hanging up in a suspicious attitude against the wall. Lumber-room as usual. Old fire-guard, old shoes, two fish-baskets, washing-stand on three legs, and a poker.
Quite satisfied, he closed his door, and locked himself in; double-locked himself in, which was not his custom. Thus secured against surprise, he took off his cravat; put on his dressing-gown and slippers, and his night-cap; and sat down before the fire to take his gruel.

It was a very low fire indeed; nothing on such a bitter night. He was obliged to sit close to it, and brood over it, before he could extract the least sensation of warmth from such a handful of fuel. The fireplace was an old one, built by some Dutch merchant long ago, and paved all round with quaint Dutch tiles, designed to illustrate the Scriptures. There were Cains and Abels, Pharaoh's daughters, Queens of Sheba, Angelic messengers descending through the air on clouds like feather-beds, Abrahams, Belshazzars, Apostles putting off to sea in butter-boats, hundreds of figures to attract his thoughts; and yet that face of Marley, seven years dead, came like the ancient Prophet's rod, and swallowed up the whole. If each smooth tile had been a blank at first, with power to shape some picture on its surface from the disjointed fragments of his thoughts, there would have been a copy of old Marley's head on every one.
"Humbug!'' said Scrooge; and walked across the room.
After several turns, he sat down again. As he threw his head back in the chair, his glance happened to rest upon a bell, a disused bell, that hung in the room, and communicated for some purpose now forgotten with a chamber in the highest story of the building. It was with great astonishment, and with a strange, inexplicable dread, that as he looked, he saw this bell begin to swing. It swung so softly in the outset that it scarcely made a sound; but soon it rang out loudly, and so did every bell in the house.
This might have lasted half a minute, or a minute, but it seemed an hour. The bells ceased as they had begun, together. They were succeeded by a clanking noise, deep down below; as if some person were dragging a heavy chain over the casks in the wine-merchant's cellar. Scrooge then remembered to have heard that ghosts in haunted houses were described as dragging chains.
The cellar-door flew open with a booming sound, and then he heard the noise much louder, on the floors below; then coming up the stairs; then coming straight towards his door.
"It's humbug still!'' said Scrooge. "I won't believe it.''
His colour changed though, when, without a pause, it came on through the heavy door, and passed into the room before his eyes. Upon its coming in, the dying flame leaped up, as though it cried, "I know him! Marley's Ghost!'' and fell again.

Alan Tabor

martedì 29 dicembre 2015

A Christmas Carol - Capitolo Primo - Traduzione Mia (Seconda Parte)

P.J. Lynch

Frattanto, la nebbia e l'oscurità si erano talmente infittite che uomini muniti di torce correvano per le strade proponendosi come guide alle carrozze. L'antica torre di una chiesa, la cui arcigna vecchia campana soleva sbirciare furtivamente verso Scrooge dalla sua arcata gotica, divenne invisibile e prese a suonare le ore e i quarti d'ora avvolta nelle spirali di nebbia, e ogni rintocco si prolungava in una vibrazione simile ad un tremolio, come se i denti le battessero per il freddo.

Il gelo si fece ancòra più intenso. Sulla strada, alcuni operai che riparavano le tubature del gas avevano acceso il fuoco in un braciere, e intorno al braciere s'era radunato un capannello di uomini e di ragazzi coperti di stracci: si scaldavano le mani e sbattevano le palpebre, in estasi davanti alla fiamma.
Il getto della fontanella negletta intirizzì astiosamente, trasformandosi in misantropo ghiaccio. Le luci delle botteghe, dove i rami di agrifoglio crepitavano al calore delle luminarie delle vetrine, arrossavano le facce pallide dei passanti. Le esposizioni dei pollaioli e dei salumieri erano letteralmente delle esposizioni: uno spettacolo grandioso, tanto da parere
impossibile che la volgarità del comprare e del vendere potesse averci a che fare.
Il Lord Mayor [1], nella possente roccaforte di Mansion House [2], impartiva ordini a cinquanta tra cuochi e domestici perché allestissero un Natale all'altezza della magione del Lord Mayor, e persino il piccolo sarto, da lui multato di cinque scellini il lunedì precedente per aver vagabondato ubriaco e in vena d'attaccar briga, mescolava con energia il pudding dell'indomani nella sua soffitta, mentre la sua sposa mingherlina si affrettava ad uscire con il bambino per comprare un pezzo di manzo.
E si addensava la nebbia e incrudeliva il gelo! Un gelo che pungeva, che tagliava, che mordeva. Se il buon St. Dunstan, tralasciando le sue armi consuete [3], avesse accarezzato il naso del Maligno con un assaggio di quel tempo da lupi, non c'è alcun dubbio che gli avrebbe cavato possenti ululati.
Il proprietario di un misero nasetto, rosicchiato dal gelo come un osso dai cani, sostò davanti alla porta dell'ufficio di Scrooge per omaggiarlo con un canto di Natale, ma aveva appena intonato:

Che Dio vi benedica, o buon signore,
E che nulla vi arrechi turbamento

che Scrooge, afferrato il righello, uscì con tale furia che il cantore scappò terrorizzato, lasciando quella porta alla nebbia e al gelo, che, certo, le erano più congeniali.

Birmingham C.

E, finalmente, arrivò l'ora di chiusura. Scrooge scese malvolentieri dal suo sgabello, un tacito segnale per il commesso nella sua cisterna che spense subito la candela con un soffio e si mise il cappello.
"Immagino che vi aspettiate di avere l'intera giornata libera domani", disse Scrooge.
"Se così vi aggrada, signore".
"Non mi aggrada e non è giusto. Se trattenessi mezza corona dal vostro salario, scommetto che riterreste di aver subito un'ingiustizia, vero?"
Il commesso abbozzò un sorriso.
"Eppure - proseguì Scrooge - non ritenete che sia io a subire un'ingiustizia dal momento che sborso il salario di una intera giornata senza che lavoriate".
Il commesso gli fece osservare che accadeva solo una volta l’anno.
"Una ben misera scusa per mettere le mani nelle tasche d’un uomo ogni venticinque dicembre! - disse Scrooge abbottonandosi il pesante cappotto fino al mento - Ma suppongo che è così che dev'essere. Mi aspetto che dopodomani siate qui in anticipo!"
Il commesso promise, e Scrooge se ne andò mugugnando. Detto fatto, chiuso in un batter d'occhio l'ufficio, il commesso, con i lembi del fazzolettone bianco che gli penzolavano fin sotto alla cintola (poiché non poteva vantare il possesso di un pastrano), si lasciò scivolare una ventina di volte dietro una sfilza di monelli giù per Cornhill, sul selciato ghiacciato, in onore della vigilia di Natale, e poi si precipitò a casa sua, a Camden Town, per giocare a mosca cieca.
Scrooge consumò la consueta malinconica cena nella consueta malinconica locanda. Dopo aver sfogliato i giornali ed aver ingannato il tempo sul suo registro contabile fino all'ora in cui usava andare a dormire, si avviò verso casa.
Abitava in una sfilata di stanze, un tempo proprietà del socio defunto, in un edificio cupo e desolato in fondo ad una stradina con cui sembrava non avere nulla a che fare.


Si poteva quasi immaginare che quel caseggiato fosse capitato lì da bambino giocando a nascondino con le altre case e che non avesse più ritrovato la via per uscirne. E ormai s’era fatto vecchio, e ormai era diventato tetro e solitario poiché non ci abitava che Scrooge, dal momento che le altre stanze erano state affittate come uffici. E il vicolo era così buio che lo stesso Scrooge, che ne conosceva a menadito ogni pietra, era costretto a procedere a tentoni.
La nebbia e la brina erano quasi un tutt'uno con il portone vecchio ed annerito della casa, come se il Genio delle Intemperie se ne stesse in permanenza seduto sulla soglia, assorto in cupe elucubrazioni.
Ora, è un fatto che il batacchio della porta non avesse niente di speciale, a parte le ragguardevoli dimensioni. Ed è un fatto che Scrooge, da quando abitava lì, lo avesse visto mattina e sera. Inoltre, è incontestabile che Scrooge, come qualsiasi altro affarista della City, fosse scarsamente dotato di quella che chiamiamo immaginazione. Si tenga presente, inoltre, che Scrooge non aveva dedicato un solo pensiero al vecchio, defunto Marley, dopo averne ricordato, nel pomeriggio, il settimo anniversario della morte. Ciò detto, qualcuno mi spieghi - se può - come accadde che Scrooge, infilata la chiave nella toppa, vide nel batacchio, da un momento all’altro, senza graduali trasformazioni, il viso di Marley. Il batacchio era il viso di Marley.

Carter Goodrich

E non era, come tutti gli altri oggetti nel vicolo, avviluppato dalla nebbia, ma emanava un suo fosco chiarore, come un astice andato a male in una buia dispensa. Non sembrava arrabbiato o feroce: guardava Scrooge come Marley soleva guardarlo, e i suoi occhiali spettrali erano appoggiati sulla sua fronte da spettro. I capelli erano stranamente sollevati, come agitati da una brezza o da un getto di aria calda; i suoi occhi, benché sgranati, erano del tutto immobili, il che, unito al colore livido della faccia, suscitava un indicibile orrore, ma quell’orrore non apparteneva al viso in sé o alla sua espressione, e pareva fuori dal suo controllo.
Scrooge si fermò e fissò il fenomeno finché il batacchio non ritornò ad essere un semplice batacchio.
Dire che Scrooge non avesse avuto un soprassalto o che non avesse avvertito un tuffo al cuore sarebbe una menzogna. Tuttavia, afferrò nuovamente la chiave, la girò con forza nella toppa, entrò e accese la candela.
Prima di rinserrare il portone, ebbe un attimo di esitazione, e si piegò cautamente a osservarlo sul retro, quasi temesse di restare pietrificato dalla visione del codino di Marley spenzolante nella corte. Ma non c’era nulla, se non le viti e i dadi che reggevano il batacchio. "Puah!Puah!" disse Scrooge, e sbattè il portone.
Il tonfo rimbombò per tutta la casa come un tuono. Pareva che ogni stanza di sopra, e ogni botte giù nella cantina del commerciante di vini ne rimandassero l'eco con una sonorità del tutto peculiare. Ma Scrooge non era il tipo d'uomo che si lasciasse spaventare dagli echi. Mise il paletto al portone, attraversò la corte, e salì su per le scale senza affrettarsi, smoccolando la candela.

Innocenti R.

Magari mi rammenterete le ampie gradinate di un tempo per le quali poteva passare un tiro a sei, ma io vi dico che per la scalinata di Scrooge poteva salire un carro funebre, anche per traverso - col timone verso il muro e lo sportello verso la balaustra, e senza alcuno sforzo. Di spazio ce n'era d'avanzo. E forse fu per questo che Scrooge si immaginò di vederlo davvero un carro funebre che lo precedeva nell'oscurità. Una mezza dozzina di lampioni a gas avrebbero illuminato a malapena quell'antro tenebroso: immaginatevi un po' l'efficacia del misero mozzicone di candela di Scrooge, ma Scrooge continuava a salire senza curarsene affatto: il buio è senz'altro economico, e a Scrooge piaceva.

P.J. Lynch

Però, prima di chiudersi alle spalle la porta massiccia, ispezionò una per una tutte le stanze per controllare che ogni cosa fosse a posto. Ed è molto probabile che a questa precauzione non fosse estranea la confusa visione di una certa faccia occhialuta.
Salotto, camera, ripostiglio: tutto era come doveva essere. Nessuno sotto la tavola, nessuno sotto il divanetto, un misero fuocherello dietro la grata del caminetto, tazza e cucchiaino pronti, il pentolino con la pappa d'avena sul fornelletto (Scrooge aveva un'infreddatura di testa). Nessuno sotto il letto, nessuno nello stanzino da bagno, nessuno nella veste da camera, che pendeva dalla parete drappeggiata in certe pieghe sospette.

Rackham A.

Nel ripostiglio, nulla d'insolito. Un vecchio parafuoco, un vecchio paio di scarpe, due cestelli per il pesce, un lavabo a tre gambe e un paio di molle.
Soddisfatto, chiuse la porta, ma con una doppia mandata, il che non rientrava nelle sue abitudini. Convinto d'aver preso tutte le precauzioni contro ogni evenienza, si tolse la cravatta, s'infilò la veste da camera, le pantofole e il berretto da notte, e sedette davanti al fuoco per prendere il suo decotto.
Un fuoco ben misero per una simile notte che lo obbligò a faticare non poco prima di riuscire a cavare da quella manciata di combustibile una minima sensazione di tepore. Il caminetto decrepito era stato costruito chissà quanti anni prima da qualche mercante olandese ed era tutto ricoperto da mattonelle invetriate alla moda olandese con raffigurazioni di personaggi biblici: schiere di Caini e di Abeli, di figlie di Faraoni, di regine di Saba, di messaggeri celesti che scendevano per i cieli sopra nuvole simili a piumini da letto, Abrami, Baldassarri, Apostoli che navigavano in altrettante salsiere, centinaia di figure che meritavano di attrarre la sua attenzione. Tuttavia, il viso di Marley, morto da sette anni, veniva come la verga del profeta ad annullare ogni altra cosa. Se ognuno di quei mattoni invetriati fosse stato bianco e in grado di riprodurre una figura tratta da un frammento dei suoi pensieri, sarebbero comparse senza dubbio altrettante facce del vecchio Marley.
"Stupidaggini!", disse Scrooge, e prese a passeggiare su e giù per la stanza
Dopo un po', tornò a sedere. Appoggiando il capo all'indietro sulla spalliera della poltrona, gli cadde lo sguardo su di un campanello in disuso, che, per qualche oscura ragione, comunicava con una stanza in cima alla casa. Con suo grande sgomento, con un terrore a lui sconosciuto, inesplicabile, vide quel campanello oscillare. Dapprima, oscillò appena, tanto da emettere un suono quasi impercettibile, ma, subito dopo, squillò con violenza e tutti i campanelli della casa risposero a quello squillo prepotente.
Durò un minuto, forse mezzo minuto, ma gli parve che durasse un’ora. Tutti i campanelli tacquero all'unisono e d'improvviso, così come avevano cominciato. Quindi, a quello scampanellio seguì un clangore di ferraglia che sembrava provenire dalle profondità del sottosuolo, come se qualcuno trascinasse una catena fra le botti della cantina del commerciante di vini. Scrooge rammentò di aver sentito dire che, nelle case infestate, gli spettri sono soliti trascinare catene.
La porta della cantina si spalancò con gran frastuono; Scrooge sentì il rumore farsi più forte: saliva dal pianterreno; poi, eccolo su per le scale; ed infine veniva diritto verso la sua porta.
"Son tutte stupidaggini! - disse Scrooge - Non ci credo!".
Cambiò colore, però, quando lo spettro attraversò la porta massiccia ed entrò nella stanza, sotto i suoi occhi. In quello stesso istante, la fiamma morente ebbe un guizzo come a voler dire: "Lo riconosco! È lo spettro di Marley!", e, subito, tornò ad affievolirsi.

 [1] Il Sindaco di Londra
 [2] La residenza ufficiale del Sindaco di Londra.
 [3] Uno dei Santi più famosi della tradizione inglese. Leggenda vuole che abbia lottato contro il Maligno e che gli abbia afferrato il naso con un paio di tenaglie incandescenti.

Traduzione e Note: Mab's Copyright

La prima parte è Qui.

lunedì 28 dicembre 2015

La Regina delle Nevi - Parte Terza - Altre Illustrazioni

V. Erko

Diodorov B.

Pavel Tatarnikov

Nika Goltz

Birmingham C.

H.J. Ford

Robinson W.H.

Le Cain E.

Anderson A.

Rackham A.

Diodorov B.

Pavel Tatarnikov

Nika Goltz

La Regina delle Nevi (Parte Terza) Traduzione Mia - Rieditata

Quarta Storia. Il Principe e la Principessa.

Ibautulline B.

Gerda dovette sedersi di nuovo per riposare. Una grossa Cornacchia saltellò sulla neve proprio davanti a lei. Rimase seduta a lungo, osservandola e scuotendo la testa, poi disse:"Cra, Cra! (Buon dì, Buon dì!) " ... Meglio non riuscì a dirlo, ma era animata dalle migliori intenzioni, e le chiese come mai se ne andasse tutta sola per il mondo.
La parola "sola" Gerda la capì molto bene e ne sentì il significato fin nel profondo, così raccontò alla Cornacchia tutta la sua vita e le chiese se avesse visto Kay.
La Cornacchia tentennò il capo, pensierosa, e rispose:" Può darsi! Può darsi!".
"Davvero?" gridò la piccola Gerda e la abbracciò con tale impeto che quasi la uccideva.
"Piano, piano! - disse la Cornacchia - Credo che possa trattarsi del piccolo Kay, ma sicuramente ora ti ha dimenticato per la Principessa!"
"Abita presso una principessa?" chiese Gerda.
"Sì, ascolta! - disse la Cornacchia - Ma io ho difficoltà a parlare la tua lingua. Se tu capissi il linguaggio delle cornacchie, potrei raccontartelo meglio."
"No, non l'ho mai imparato - esclamò Gerda - eppure la nonna lo conosceva, e capiva anche il linguaggio dei neonati. Se solo l'avessi imparato anch'io!"
"Non importa! - disse la Cornacchia - Farò del mio meglio, ma certo non verrà un granché", e così raccontò quello che sapeva:
"In questo Regno, abita una Principessa straordinariamente intelligente: legge tutti i giornali che ci sono al mondo e poi li dimentica immediatamente, tanto è intelligente.

Dulac E.

Giorni fa, mentre sedeva sul trono, il che, alla fin fine, non è una cosa molto divertente, si mise a canticchiare un vecchio ritornello che diceva così: 'Perché non dovrei sposarmi?'.
"Ecco, questa è proprio una buona idea!" esclamò, e le venne voglia di sposarsi, ma voleva un marito che sapesse conversare con spirito, non uno di quei tipi noiosissimi che se ne stanno lì impettiti, con l'aria d'essere gran personaggi. Allora riunì tutte le dame di Corte e, quando queste conobbero i suoi desideri, si rallegrarono con lei. 'Molto bene! - dissero - pensavamo proprio la stessa cosa.' Puoi credere a ogni parola che ti dico! - soggiunse la Cornacchia - Ho una fidanzata che è addomesticata e abita al castello, e mi ha raccontato tutto."

(La sua fidanzata era naturalmente anche lei una cornacchia, perché ogni cornacchia maschio cerca il suo simile, che è una cornacchia femmina).

" L'indomani, i giornali uscirono bordati di cuori e con le iniziali della Principessa. Vi si poteva leggere che ogni giovane di bell'aspetto aveva facoltà di andare al castello e di parlare con la Principessa, e chi avesse mostrato di sentirsi completamente a suo agio e avesse conversato meglio di tutti sarebbe stato il prescelto! Sì, sì - disse la Cornacchia - puoi credermi, è proprio vero, com'è vero che sono qui davanti a te! La gente accorse: che gran ressa e che folla! Ma nessuno ebbe successo, né il primo giorno, né il secondo. Tutti sapevano parlare bene quando erano per strada, ma, non appena oltrepassavano il portone del castello e vedevano le guardie dalle uniformi ricamate d'argento, e poi, su per gli scaloni, i valletti in livrea d'oro e i grandi saloni illuminati, allora si confondevano. Così, una volta davanti al trono dove sedeva la Principessa, non sapevano fare null'altro se non ripetere l'ultima parola che lei aveva detto, e alla Principessa, ovviamente, non interessava affatto riascoltarla! Era come - lì dentro - i pretendenti cadessero in letargo finché non uscivano di nuovo in strada, e allora ritrovavano la parola! C'era una fila che andava dalle porte della città fino al castello. Io stesso ero lì a vedere! - raccontò la Cornacchia - Tutti avevano fame e sete, ma dal castello non ricevevano neppure un bicchiere d'acqua. Certo, qualcuno più intelligente s'era portato dei panini da casa, ma non li divise con i vicini perché pensava:' Se questo ha l'aria affamata, la Principessa non lo sceglierà di sicuro!'."
"Ma Kay, il piccolo Kay? - chiese Gerda - Quando ne parlerai? Era fra tutti gli altri?"
"Pazienza! Pazienza! Adesso ci arriviamo. Era il terzo giorno, quando arrivò una personcina senza cavallo né carrozza che marciò ardita verso il castello: i suoi occhi brillavano come i tuoi, aveva lunghi, bellissimi capelli, ma i suoi vestiti erano molto poveri."
"Era Kay! - esultò Gerda - Ah, finalmente l'ho trovato!" e si mise a battere le mani.
"Aveva un fagotto sulle spalle!" aggiunse la Cornacchia.
"No, era di certo lo slittino - spiegò Gerda - perché se n'è andato con lo slittino."
"È possibile - disse la Cornacchia - Non ho guardato attentamente. Ma so dalla mia fidanzata che, quando arrivò al portone del castello e vide le guardie con le uniformi ricamate d'argento e, lungo gli scaloni, i valletti in abiti d'oro, non ne fu affatto intimidito; li salutò e disse:'Dev'essere noioso restare lì sulle scale, io preferisco entrare'. Le sale risplendevano illuminate da migliaia di candele, i Consiglieri e i Ministri camminavano a piedi nudi e recavano vassoi d'oro: c'era di che restare intimoriti! I suoi stivali scricchiolavano orribilmente, ma lui non se ne curava affatto!"
"È sicuramente Kay! - esclamò Gerda - So che aveva gli stivali nuovi, li ho sentiti scricchiolare nella camera della nonna."
"Ah, sì, scricchiolavano, eccome se scricchiolavano! - confermò la Cornacchia - Ma lui se ne andò tranquillamente dalla Principessa, che sedeva su una perla grande come la ruota di un arcolaio; tutte le dame di Corte con le loro cameriere e con le cameriere delle cameriere, e tutti i cavalieri con i loro servitori e con i servitori dei servitori, che avevano con loro i paggi, se ne stavano impalati tutt'intorno, e, più erano vicini alla porta, più apparivano pieni di superbia. Il paggio del servitore dei servitori, che va sempre in giro in pantofole, non lo si poteva quasi guardare tanto se ne stava fiero vicino alla porta!"
"Deve essere orribile! - esclamò la piccola Gerda - E Kay? Ha poi sposato la Principessa?"
"Se non fossi stato una cornacchia, l'avrei sposata io, anche se sono già fidanzato. Deve aver parlato molto bene, come parlo io nella lingua delle cornacchie: questo mi ha raccontato la mia fidanzata. Era proprio audace e affascinante: non era venuto per chiedere la mano della Principessa, ma solo per valutare la sua intelligenza, e la trovò rimarchevole, come lei trovò eccezionale lui."

Tatarnikov P.

"Di certo era Kay! - disse Gerda - Era così intelligente: sapeva fare i conti a memoria, e con le frazioni! Oh, non mi puoi far entrare nel castello?"
"Già, facile a dirsi! - disse la Cornacchia - Ma come possiamo fare? Devo parlarne alla mia cara fidanzata, lei ci saprà consigliare bene, perché, bisogna che te lo dica, una bambina come te non avrà mai il permesso ufficiale di entrare nel castello."
"Sì, invece! - rispose Gerda - Quando Kay saprà che sono qui, uscirà senz'altro a prendermi."
"Aspettami là, vicino alle scale", disse la Cornacchia, e, scuotendo il capo, volò via.
Si era già fatto buio quando ritornò.
"Cra, cra, cra ! - disse - Ti porto tanti saluti da parte della mia fidanzata. E qui c'è un panino per te. L'ha preso in cucina - ce n'è tanto di pane lì - sarai sicuramente affamata. Non è possibile che tu entri nel castello: sei scalza e le guardie vestite d'argento e i valletti vestiti d'oro non te lo permetterebbero, ma non piangere, ci riuscirai ugualmente. La mia fidanzata conosce un piccolo ingresso sul retro che conduce alla camera da letto, e lei sa dove prendere le chiavi."
Entrarono nel parco, poi, su per i grandi viali, dove le foglie cadevano una dopo l'altra, e, quando al castello le luci si spensero una dopo l'altra, la Cornacchia condusse la piccola Gerda ad una porticina sul retro che era socchiusa.
Oh, come batteva il cuore di Gerda per la paura e per la nostalgia! Era come se stesse facendo qualcosa di male, ma in realtà voleva solo sapere se si trattava del piccolo Kay.
Certo doveva essere lui, e Gerda ricordò i suoi occhi intelligenti, i suoi lunghi capelli: le sembrava proprio di vederlo sorridere, come quando erano a casa, sotto l'arco di rose. Lui sarebbe certamente stato contento di vederla e di venire a sapere che lungo cammino aveva percorso per ritrovarlo e come tutti a casa erano stati tristi quando lui non era ritornato. Oh, provava paura e gioia insieme!
Ora si trovavano sulla scala. Su di una credenza brillava una piccola lampada. In mezzo al pavimento, stava la cornacchia addomesticata che girò la testa da tutte le parti e osservò Gerda fare l'inchino proprio come le aveva insegnato la nonna.
"Il mio fidanzato mi ha parlato così bene di voi, mia piccola damigella! - disse la Cornacchia addomestica - D'altra parte, il vostro curriculum vitae, come si dice, è così toccante! Prendete la lampada, io vi precederò. Faremo il percorso più diretto, così non incontreremo nessuno."

Birmingham C.

"Mi sembra che qualcuno cammini proprio dietro di noi", disse Gerda. Qualcosa le passò di fianco fischiando: era come se sulle pareti scivolassero delle ombre, cavalli con criniere svolazzanti e zampe sottili, giovani cacciatori, dame e gentiluomini a cavallo.
"Sono solo sogni! - disse la Cornacchia  domestica - Vengono a prendere i pensieri delle Loro Maestà per portarli a caccia, ed è un bene, perché così voi potrete osservarli meglio nei loro letti. Passando ad altro, spero che se arriverete a ottenere onori e riconoscimenti, mostrerete un cuore grato."
"Non parliamo di queste cose!" esclamò la Cornacchia del bosco.
Poi entrarono nel primo salone, che era tappezzato di raso rosa a grandi fiori; i sogni li avevano oltrepassati e così in fretta che Gerda non riuscì a scorgere gli augusti personaggi. I saloni erano uno più bello dell'altro, davvero c'era di che rimanere stupefatti!
... Ecco, adesso si trovavano nella camera da letto: il soffitto somigliava ad una grande palma con foglie di un vetro prezioso, e, in mezzo al pavimento, erano sospesi su di un grosso stelo d'oro due letti che sembravano gigli: uno era bianco e vi si trovava la Principessa; l'altro era rosso, ed era quello dove Gerda avrebbe dovuto cercare il piccolo Kay

 Erko V.

Gerda sollevò qualche petalo rosso e scorse una nuca bruna: oh, certo era Kay! Gridò il suo nome e gli avvicinò la lampada. I sogni a cavallo fuggirono dal salone; il Principe si svegliò, voltò il capo... oh, non era il piccolo Kay!
Soltanto di nuca gli assomigliava, pur essendo anche lui giovane e bello. Dal letto bianco a forma di giglio fece capolino la Principessa e chiese che cosa stesse succedendo. Allora la piccola Gerda si mise a piangere e raccontò tutta la sua storia e tutto quello che le Cornacchie avevano fatto per lei.
"Oh, poverina!", esclamarono il Principe e la Principessa e lodarono le cornacchie, rassicurandole che non erano affatto in collera con loro, ma che naturalmente non avrebbero più dovuto comportarsi in quel modo. Per quell'unica volta avrebbero ricevuto una ricompensa.
"Volete volare via libere? - chiese la Principessa - Oppure volete un incarico fisso come cornacchie di Corte, con il diritto di mangiare tutto quello che avanza in cucina? "
Entrambe le Cornacchie s'inchinarono e scelsero l'impiego fisso: pensavano alla vecchiaia e conclusero che era un bene avere qualcosa per i giorni bui, come si suol dire.
Il Principe si alzò dal suo letto e vi fece dormire Gerda, di più non poteva fare. Lei giunse le manine e pensò: 'Quanti uomini e animali di buon cuore esistono al mondo!', e così chiuse gli occhi e dormì tranquillamente. I sogni ricominciarono a volteggiarle intorno e, questa volta, rassomigliavano agli angeli del Signore: trascinavano una piccola slitta dove sedeva Kay che la salutava. Ma era solo un sogno, e sparì non appena Gerda si risvegliò.
Il giorno dopo, fu rivestita da capo a piedi di seta e di velluto, e le venne offerto di rimanere al castello e vivere fra gli agi, ma lei chiese solo una piccola carrozza con un cavallo ed un paio di stivaletti così da poter viaggiare di nuovo nel vasto mondo in cerca di Kay.

Birmingham C.

Le donarono un paio di stivaletti e un manicotto e abiti eleganti, e, giunto il momento della partenza, si fermò davanti al portone una carrozza di oro zecchino - con lo stemma del Principe e della Principessa - che riluceva come una stella; il postiglione, i servitori, e i valletti a cavallo - perché c'erano anche i valletti a cavallo! - avevano in testa corone d'oro. Il Principe e la Principessa aiutarono la piccola a montare in carrozza e le augurarono ogni bene. La Cornacchia del bosco, fresco sposo, la seguì per le prime tre miglia: sedeva accanto a lei perché non sopportava di viaggiare dietro. L'altra Cornacchia rimase sul portone e sbatteva le ali: non li poté seguire perché soffriva di mal di testa da quando aveva un impiego fìsso e troppo da mangiare. Nella carrozza trovarono croccanti di zucchero, e, sul sedile, frutta e panpepato.
"Addio! Addio!" gridarono il Principe e la Principessa, e la piccola Gerda pianse, e anche la Cornacchia pianse. Dopo le prime miglia, anche la Cornacchia del bosco la salutò e questo fu il congedo più doloroso. Volò via, in alto, su un albero, e sbatté le ali nere finché potè scorgere la carrozza, che luccicava come il sole.

Pavel Tatarnikov

Fine Terza Parte

Mab's Copyright

Tempo d'Inverno, Tempo di Natale - ill. Gennady Spirin